venerdì 17 ottobre 2014

CREPES: FARINA DI MANDORLE & FRUTTI DI BOSCO








Pensate ad un cestino, guardate tra gli arbusti e vedrete una bimba con le "guanciotte" rosse che raccoglie i frutti di bosco! Quella bimba sono io, molti anni or sono, che era solita camminare ore ed ore alla ricerca di quei dolcissimi frutti. Recentemente li considero fondamentali nella mia alimentazione e perfetti nella preparazione dei dolci. Per questa ricetta non ho rispettato affatto le regole basi per la preparazione ed ho sostituito la farina che solitamente usiamo con quella di mandorla.
Spero vi piaccia <3 <3



Ingredienti:

2 persone

8 cucchiai di farina di mandorle (si trova facilmente al supermercato :)
2 tuorli
100 ml di latte intero
frutti di bosco a scelta (io ho messo ribes rossi e fragole)
burro q.b. per la cottura



Procedura:

Setacciare la farina in una ciotola.
Versare il latte ed amalgamare finché il composto è fluido.
Imburrare e preriscaldare una padella antiaderente, meglio se specifica per le crepes.
Cuocere da ambo le parti.
Se avete una padella normale, cuocere su un lato e rovesciare la crepe su un piatto. Infine cuocere l'altro lato.

Ripieno

90 gr. di ribes
90 gr. di fragole a pezzi

Tutto previamente lavato e tagliato.


Cuocere i frutti in un pentolino a fuoco lento, aggiungendo un cucchiaio di zucchero.
Mescolare.
Quando si crea una marmellata, spegnere e setacciare il contenuto.
Lasciare qualche frutto intero.


Versare a filo sopra la crepes, usando una forchetta.






You think of a basket, look among the bushes, you'll see a little girl with red cheeks that collects the berries! That girl is me, many years ago, I used to walk for hours and hours looking for those sweet fruits. I've recently considered them essential in my diet and perfect in the preparation of desserts. For this recipe I have not complied with all the basic rules for the preparation and I replaced the flour that we usually use with that of almonds one.
Hope you like it <3 <3



Ingredients:


2 people


8 tablespoons of almond flour (can be easily found it at the supermarket :)
2 egg yolks
100 ml of whole milk
berries of your choice (I put red currants and strawberries)
butter q.b. for cooking



Steps:

Sift the flour into the bowl.
Pour the milk and mix until the mixture is smooth.
Grease and preheat a nonstick skillet, preferably specific for the crepes.
Cook on both sides.
If you have a normal frying pan, cook on one side and reverse the crepe on a plate. Finally cook the Grim side.

Filling

90 gr. currant
90 gr. strawberry pieces

All previously washed and cut.


Cook in a saucepan on low heat, adding a tablespoon of sugar.
When you create a jam, switch off and scour the content.
Leave some whole fruit.


Pour slowly over the crepes, using a fork.

mercoledì 1 ottobre 2014

TORTA SABBIOSA & UN NUOVO MESE NUOVO CHE INIZIA ...








Anzitutto, Buon 1 Ottobre a tutti !!

Oggi ho pensato di preparare un bel dolce affinché il mio umore migliorasse :) Onestamente non avevo neppure voglia di recarmi al supermercato e ho preparato questa torta perché necessitavo di ingredienti semplici.
E' a tal punto "sabbiosa" che sembra rompersi con facilità ma è tale caratteristica a renderla digeribile e perfetta per fare colazione e merenda. 
Un saluto e addio dieta!!


Ingredienti:

6 persone

100 gr. di maizena 
100 gr. di farina 00
200 gr. di zucchero a velo
200 di burro 
2 uova 
1 limone 
1 bustina di lievito per dolci (anche se nella tradizione mantovana il lievito non viene usato) 
un pizzico di sale



Procedura:

Setacciare assieme la farina, la maizena, il lievito ed un pizzico di sale.
Lavorare a spuma il burro, incorporare i tuorli e mescolare dal basso verso l'alto.
Aggiungere le farine e la scorza di limone grattugiata.
Montate a neve gli albumi senza che il composto si monti.
Versatelo in una tortiera.
Cuocere in forno preriscaldato 180 °C per 30 min.
Far dorare la parte superiore in modo tale si sente maggiormente il contrasto con la parte interna.
Se volete, versate un pò di zucchero a velo sopra.



First of all, Happy October 1st to all !! 

Today I've thought to do a sweet for improving my mood :) 
Honestly I did not even want to go to the supermarket and I prepared this cake because I needed of the simple ingredients. 
It's so "sandy" that seems to break easily, but this feature makes it digestible and perfect for breakfast and snack. 
A greeting and farewell diet !! 


Ingredients: 


6 people 


100 g of cornstarch 
100 g of flour 00 
200 g of powdered sugar 
200 butter 
2 eggs 
1 lemon 
1 teaspoon of baking powder (although in the tradition it is not used) 
a pinch of salt 




Steps:

Sift together the flour, cornstarch, yeast and a pinch of salt. 
Work in the butter foams, stir in the egg yolks and stir from bottom to top. 
Add the flour and lemon zest. 
Whip the egg whites without the mixture mountains. 
Pour into a cake pan. 
Bake in preheated oven 180 °C for 30 min. 
To brown the top in such a way that feels more contrast with the inner part. 
If you want, pour a little sugar on it.

mercoledì 10 settembre 2014

PATATE CALDE CON FARINA DI MAIS: CROCCANTI AL PUNTO GIUSTO!









Ormai è consuetudine mangiare al ristorante le patate con la buccia; a me piacciono di più e le trovo più belle da vedere nel piatto. Prestigiose ricerche, infatti, hanno accertato il loro valore vitamico nonostante per anni la maggior parte di noi ne abbia tolto la parte esterna. 
Oggi, ho pensato di prepararle al forno con poco olio, cospargendole di farina di mais poiché è più leggera e adatta anche nelle diete celiache. 



Ingredienti:

4 persone

500 gr. di patate bio
farina di mais q.b.
olio evo q.b.
sale grosso q.b.



Procedura:


Sceglierle mature, altrimenti vi consiglio una leggera pre-cottura.
Lavarle benissimo e lasciarle nell'acqua pulita.
Tagliarle a vostro piacimento (io le ho tagliate a fette).
Immergetele nella farina di mais.
Disporle equidistanti in forno sulla carta.
Versare l'olio evo a filo.
Aggiungere il sale.
Cuocere per 40 min. circa a 200 °C.





Now we commonly find unpeeled potatoes at restaurant. I like them more and I also think are beautiful in the plate. Prestigious searches, in fact, have ascertained their vitamic value despite we have taken the outer part for a long time.
Today, I thought I'd prepare them in the oven with a little bit of extra olive oil and sprinkle with corn flour because it is lighter and fits even in diets with celiac disease.




Ingredients: 

4 people 

500 gr. of organic potatoes
corn flour q.b. 
extra virgin olive oil q.b. 
salt q.b. 



Steps: 


Choose them very mature, otherwise I suggest a slight pre-baking. 
Wash them well and let them into the water clean. 
Cut them to your liking (I sliced​​ them). 
Dip them in corn flour. 
Place them in the oven evenly spaced on paper. 
Pour the extra virgin olive oil. 
Add the salt. 
Bake for 40 min. about 200 ° C.


martedì 9 settembre 2014

TORTA ALLO YOGURT E CIOCCOLATO: IL MORSO E' ASSICURATO!








La colazione è un rito che si sta perdendo. Tendiamo a mangiare velocemente e soprattutto a riempire la dispensa di biscotti e merendine. Ciò nuoce a noi come al nostro portafogli!
Ogni volta che preparo un dolce, infatti, sento la voce di mia nonna che diceva "Non mangiare quelle schifezze, inzuppa la torta di nonna nel latte che è molto più sana!". La nonna non c'è più ma il suo grande cuore e il legame alla tradizione è dentro di me, forte più che mai. 
Come, poi, tutte le donne in cucina ho modificato la solita torta allo yogurt: ho aggiunto un cucchiaio di cioccolato amaro che l'ha reso esteticamente più bella da presentare in tavola. Ho usato le uova fresche che Marcella (una simpatica signora di Velletri) mi porta regolarmente e olio evo che proviene da Ficulle (Umbria).

Buona colazione !!!



Ingredienti:


4 uova fresche bio
un bicchiere di olio evo
250 gr. di yogurt magro
150 gr. di farina
100 gr. di fecola di patate
1 bustina di vanillina ed una di lievito 
1 buccia di limone 
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di cioccolato amaro


Procedura:

Montare le uova, creando un composto schiumoso. 
Aggiungere l'olio lentamente, lo yogurt, la farina, la fecola, la vanillina e il lievito setacciati e la buccia di un limone.
Continuare a montare e aggiungere un pizzico di sale.
Oleare la teglia e coprirla con la farina in modo tale la torta non si attacchi.
Versare una parte del composto e aggiungere il cioccolato.
Girare il cioccolato sulla superficie usando una forchetta ... divertitevi!!
Cuocere a 180 °C per 35 min.












The breakfast is a lost ritual. We tend to eat quickly and especially to fill the pantry of biscuits and snacks. This is detrimental to us as our wallets! 
Every time I prepare a cake, in fact, I hear the my grandmother's voice saying: "Do not eat that crap, soaks the grandmother's cake in the milk which is much healthier." The grandmother is dead but her big heart and the link to tradition is inside me, stronger than ever. 
The, I have modified the usual yogurt cake as all women: I added a tablespoon of unsweetened chocolate that made it more aesthetically pleasing to be presented in the table. I used fresh eggs that Marcella (a nice lady from Velletri) leads me regularly and extra virgin olive oil that comes from Ficulle (Umbria). 

Have a good breakfast !!! 



Ingredients: 


4 fresh organic eggs 
a glass of extra virgin olive oil 
250 gr. of low-fat yogurt 
150 gr. flour 
100 gr. of potato starch 
1 teaspoon of vanilla extract and a yeast 
peel of 1 lemon 
1 pinch of salt 
1 tablespoon of unsweetened chocolate

Steps: 

Beat eggs, creating a foamy. 
Add the oil slowly, yogurt, flour, potato flour, vanilla and baking powder and zest of one lemon. 
Continue beating and add a pinch of salt. 
Put the extra virgin olive oil on the baking dish and cover with the flour so that the cake will not stick. 
Pour some of the mixture and add the chocolate. 
Turn the chocolate over the surface using a fork ... enjoy !!
Bake at 180 ° C for 35 min.













venerdì 5 settembre 2014

IL PANINO DEL MOTOCICLISTA








Mia madre è tornata dal supermercato con il salame ungherese piccante e già vedevo nascere i brufoli sul mio viso!! Ho pensato, però, di creare un panino dai sapori decisi: il panino del "motociclista" che conquistasse i palati dei "maschietti". 
Guardando, poi nel frigorifero, ho aggiunto la scamorza affumicata, le patate e la misticanza romana. Ho scelto il pane di Terni perché è senza sale ed è perfetto con ogni condimento.


Ingredienti:

2 fettine di pane senza sale 
4 fettine piccole di salame ungherese piccante
1 fettina di scamorza affumicata
2 spicchi di patata
qualche foglia di misticanza
olio q.b.
sale zero!



Procedura:

Tagliare grossolanamente il pane. Arrostire in padella con un filo di olio evo.
Aggiungere il salame, le patate schiacciate precedentemente rosolate con olio e rosmarino.
Finire con la scamorza sciolta sulle patate e l'insalata.
Servire bollente e croccante !!!











My mother is back with the spicy Hungarian salame from the supermarket and I already saw the birth of the pimples on my face !! However, I thought to create a full flavored sandwich: the "rider-samdwich" that was the least light possible and conquered the palates of the "boys." 
Then, Looking, then in the fridge, I added smoked, potatoes and mixed Roman salad. I chose the bread of Terni because it is salt-free and is perfect with any sauce.



Ingredients: 

2 slices of bread without salt 
4 small slices of spicy Hungarian salame
1 slice of smoked cheese 
2 cloves of potato 
a few leaves of mixed 
oil q.b. 
zero salt! 



Steps: 

Roughly chop the bread. Roast in a pan with a drizzle of extra virgin olive oil. 
Add the salame, potatoes mashed with olive oil and rosemary previously cooked. 
Finish with the smoked cheese melted on potatoes and salad. 
Serve hot and crispy !!!





martedì 2 settembre 2014

FARRO CON RUGHETTA, ASIAGO E PERE: IL DOLCE E L'AMARO!










Perdonate l'assenza ma non ho avuto tempo di dedicarmi alla cucina, o meglio ho preferito farmi cullare dalle acque cristalline del Monte Argentario:)
Solo ieri sono tornata a casa e ho pensato di fare un piatto veloce e veloce. 
Dopo il junk food estivo, ho deciso di disintossicarmi con cereali, verdura e frutta. Qui la nuova ricettina ;)


Ingredienti

4 persone 


300 gr. di farro perlato umbro (coltivazione bio - Norcia)
60 gr. di formaggio asiago dop
60 gr. di rughetta
2 pere piccole 
olio evo e sale q.b.


Procedura

Lessate il farro in acqua bollente (45 min. circa) e scolatelo.
Come al solito controllo la cottura, a me piace che rimanga un pò duro.
Versatelo in una ciotola, aggiungendo olio, formaggio e pere a dadini.
Tagliete la rughetta con le forbici in parti piccole.
Mescolate finché tutto sia amalgamato bene.






Pardon for the absence, but I have not had time to devote to the kitchen and I decided to make me soothed by the crystalline waters of the Monte Argentario :) 
Just yesterday I got home and thought I'd do a quick and easy dish. 
After the summer junk food, I decided to detox with cereals, vegetables and fruit. Here the new recipe;) 


Ingredients 

4 people 


300 gr. pearled farro from Umbria (organic - Norcia) 
60 gr. of asiago cheese dop 
60 gr. of rocket 
2 small pears 
olive oil and salt q.b. 


Steps

Boil the farro in boiling water (45 min.) and drain. 
As usual, check the cooking, I like to remain a little bit solido. 
Pour into a bowl, add olive oil, cheese and pears. 
Cut the rocket with scissors into small pieces. 
Stir until everything is well blended.



domenica 6 luglio 2014

"LO SPEZZATINO" CHE ACCONTENTA TUTTI I PALATI!









Lo spezzatino è un piatto tradizionale che solo una nonna può insegnare; ci sono, infatti, dei passaggi fondamentali che lo rendono morbido e saporito. Io, poi, ho apportato delle modifiche come lo sfumare la carne con l'aceto di mele invece di usare il vino bianco.




Ingredienti:


4 persone


700 gr. di spezzatino di vitello
olio evo
2 rami di rosmarino
2 spicchi di aglio
un bicchiere d'acqua
aceto di mele BIO
sale q.b.


Procedura:


Lavare lo spezzatino, asciugarlo e tagliarlo in dadini.
Metterlo in un casseruola con acqua e cuocere a fuoco lento.
Dopo che l'acqua si asciugata, mettere l'olio, il rosmarino e l'aglio.
Sfumare con l'aceto e salare un pò.
Cottura completa: 20 min.





The stew is a traditional dish that only a grandmother can teach you. There are, in fact, basic steps that make it soft and tasty. Then, I have made ​​changes like to blend the meat with apple cider vinegar instead of white wine. 




Ingredients: 


4 people 


700 gr. of veal stew 
extra virgin olive oil 
2 branches of rosemary 
2 cloves of garlic 
a glass of water 
Organic apple cider vinegar 
salt q.b. 


Steps: 


Wash the stew, dry and cut into cubes. 
Put it in a saucepan with water and simmer. 
After the water is dried, put the olive oil, rosemary and garlic. 
Deglaze with the vinegar and a little salt. 
Thorough cooking time: 20 min.



venerdì 4 luglio 2014

LE ALICI FRESCHE CON IL POMODORINO DI VELLETRI







Caldo tanto, anzi tantissimo... Roma, si sa, è invivibile d'estate ma è Luglio e non ci lamentiamo sempreeeeee! 
Oggi avevo bisogno di dedicarmi alla cucina, mi sono svegliata presto e ho preparato un piatto di pesce semplice ma ricco di omega3. Il vero pesce non è solo quello che costa 30 euro al kg, bensì il pesce azzurro è una ricchezza ittica dei nostri mari che non necessita di un grande portafoglio.
A me è sempre piaciuto per il suo sapore e non mi stresso a togliere le spine ;)
Una signora di Velletri che vive nel mio palazzo, poi, mi ha regalato i suoi pomodori e ho pensato di usarli per questa ricetta. Il loro sapore, con un pò di prezzemolo di campagna, ha reso questo piatto gourmet!


Ingredienti:


500 gr. di alici 
5 pomodorini 
prezzemolo e sale q.b.
pangrattato q.b.


Procedura:

Se il pescivendolo toglie solo le interiora del pesce, togliete la lisca, lavatelo e asciugatelo.
Cospargete con il pangrattato, mettete i pomodori previamente pelati, un pizzico di sale e un goccio di olio.
Mettete in forno per 15 min. a 150 °C (forno ventilato)
A me piacciono croccanti, a voi??






So hot, in fact a lot ... Rome, you know, is unbearable in the summer but it is July and we are happy always! 
Today I needed to dedicate myself to the kitchen, I woke up early and I made a fish simple dish but rich in omega3. The real fish is not only what it costs 30 euro per kg, but oily fish is richness of our seas that does not need a big wallet. 
I've always enjoyed for its flavor and because I do not get stressed to remove the bones;) 
A lady of Velletri, who lives in my building, then gave me some tomatoes and I thought to use them for this recipe. Obviously, their flavor with a bit of parsley has made this gourmet dish! 


Ingredients: 


500 gr. anchovy 
5 cherry tomatoes 
parsley and salt q.b. 
breadcrumbs q.b. 


Steps: 

If the fishmonger remove just the entrails of the fish, remove the bones, wash and dry. 
Sprinkle with bread crumbs, put the peeled tomatoes previously, a pinch of salt and a dash of oil. 
Put in the oven for 15 min. at 150 ° C (fan oven) 
I like them crispy, you?

sabato 14 giugno 2014

LA MANTOVANA: UNA TORTA SOFFICE COME UNA PIUMA







Oggi, dopo tanto tempo, mi trovo in cucina per deliziarvi con la torta mantovana. Non so quale sia l'origine officiale, ma questa versione è stata tramandata da mia nonna che l'aveva imparata da una parente abruzzese. 


Ingredienti:

4 uove (io ho messo solo i tuorli)
200 gr. di zucchero
200 gr. di burro (io ho messo solo un bicchiere di olio e 100 gr. di burro)
500 gr. di farina
un pacchetto di mandorle a scaglie


Procedura:

Incorporare il burro con lo zucchero.
Aggiungere i tuorli, la farina setacciata e il lievito fino ad ottenere una crema.
Cuocere per 25/30 min. (forno ventilato).



Today, after so long, I find myself in the kitchen to delight you with cake valance. I do not know what is the official source, but this version has been passed down from my grandmother, who had learned it from a relative of Abruzzo.


Ingredients: 

4 ew (I put only the yolks)
200 gr. sugar
200 gr. of butter (I put a cup of oil and 100 gr. butter)
500 gr. flour
a package of sliced ​​almonds


Steps:

Stir in the butter with the sugar.
Add the egg yolks, flour and baking powder until to have a cream.
Bake for 25/30 min. (convection oven).



lunedì 19 maggio 2014

TAGLIATELLE CON ASPARAGI E SALSA OLANDESE



Mentre inizio a scrivere, mi viene in mente la simpatica canzone "Le tagliatelle di Nonna Pina, un pieno di energia, effetto vitamina ;) ...!!" Quante volte avrete ascoltato la CLERICI che la canticchiava e si muoveva allegramente? Quando è possibile vedere il suo programma con mia madre, prendo appunti per modificare le mie ricette o ne sperimento altre. 
Sebbene una delle mie zie abbia un noto negozio di pasta all'uovo in Umbria, vi consiglio di comprare le tagliatelle di grano duro di Garofalo. Hanno la parvenza di quelle all'uovo, ma sono più leggere. Le ho condite con gli asparagi visto che se ne trovano molti a buon prezzo ed ho aggiunto ad esse una salsa che si sposa bene con le verdure.
Date uno sguardo ;)





Ingredienti:


6 persone


450 gr. di tagliatelle
600 gr. di asparagi (meglio se sottili)
50 gr. di olio evo
un pò di salsa olandese (cioè besciamella con latte, burro e farina, un uovo e succo di limone)
sale q.b.



Procedura:


Non cuoceteli interamente, bensì solo la parte morbida che a tatto riconoscerete. E' chiaro che vi consiglio quelli più sottili, meglio se raccolti lungo mare o nel bosco. Fate insaporire gli asparagi con l'olio e sale in padella mentre preparate la salsa olandese. Versate la pasta nella padella e girate, versando la salsa.





While I start to write, I reminded of the funny song "Le tagliatelle di Nonna Pina, un pieno di energia, effetto vitamina ;) ...!" How many times have you heard CLERICI that hummed and moved cheerfully? When I can watch her tv program with my mother, I take notes to modify my recipes or experiment other ones. 
Although one of my aunts has a well-known pasta shop in Umbria, I suggest you buy the wheat noodles by Garofalo. They have the same appearance but are lighter. I served with asparagus because if now they're cheaper and I added a sauce to them because it goes well with the vegetables. 
Take a look;)





Ingredients:


6 people


450 gr. noodles Garofalo
600 gr. asparagus (preferably thin)
50 gr. extra virgin olive oil
a bit of Hollandaise sauce (white sauce that is with milk, butter and flour, an egg and lemon juice)
salt q.b.



Procedure:


You only cook the soft part you'll find touching. I recommend the thinner ones, preferably collected along the beach or in the woods. Cook for the asparagus with olive oil and salt in the pan while you prepare the hollandaise sauce. Pour the mixture into the pan and turn, pouring the sauce.


lunedì 5 maggio 2014

RADICCHIO ALLA GRIGLIA







Il radicchio appartiene alla famiglia delle cicorie e quello che ho usato per questa ricetta è il trevisano. E' un contorno che può accompagnare una bistecca e, se cucinato sulla brace, avrà un sapore ancora più appetitoso. In circa 10 min. sarà pronto, provateci!


Ingredienti:

2 persone

2 cespi di radicchio
olio evo
sale q.b.


Procedura: 

Togli le foglie dure, lavali e asciugali.
Riscalda la griglia o semplicemente la padella affinché sia bollente.
Crea dei piccoli tagli sulla parte più dura in modo tale si aprino meglio per esser cotti.
Condire a crudo con olio evo, sale e pepe.






The radicchio belongs to the family of cicory and that I used for this recipe is from Treviso. It's a side dish that can accompany a steak and, if cooked on the grill, it will taste even more appetizing. Around 10 min. will be ready, try it! 


Ingredients: 

2 people 

2 heads of radicchio 
extra virgin olive oil 
salt q.b. 


Steps: 

Remove the hard leaves, wash and dry them. 
Heat the grill or the pan. 
Make small cuts on the hardest part so that they open to be cooked. 
Turn on both sides and dress with olive oil, salt and pepper.

venerdì 2 maggio 2014

POMODORI ALLA BARESE: CIOTTI E COTTI AL FORNO ;)








La bella stagione non sembra arrivare ed io, segregata in casa, ho pensato fosse rilassante dedicarmi un pò alla mia passione: la cucina. Avendo un amore incondizionato nei confronti del Sud Italia, ho "rubato" una ricetta che proviene da Bari. Mia nonna mi ha insegnato a usare le verdure in mille modi poiché sono più economiche e salutari. Ho, perciò, usato i pomodori e li ho riempiti a tal punto che li denominati con un aggettivo simpatico del gergo romanesco: CIOTTI! Ecco a voi la ricetta!!


Ingredienti:

4 persone

6 pomodori MATURI, SODI, TONDI E DI MEDIA DIMENSIONE
120 gr. di provola
120 gr. di pangrattato
basilico ed origano q.b.
2 spicchio di aglio
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.


Procedura:

Tagliate i pomodori orizzontalmente.
Svuotarli, aiutandosi con il CUCCHIAIO PER IL GELATO.
Mescolate la polpa del pomodoro con le spezie, la provola (tagliata finemente), sale e pepe.
Ponete il tutto all'interno dei pomodori.
Deponeteli in una teglia grande e cuocerli in forno preriscaldato (ventilato) a 180 °C per circa 20 min.




The warm weather does not seem to get and being segregated at home, I thought it was relaxing to devote a bit thanks to my passion: cooking. Having an unconditional love towards the south of Italy I stole a recipe that comes from Bari. My grandmother taught me to use the vegetables in a thousand ways because they are cheaper and healthier. Therefore, I have used the tomatoes and I filled to the point that they are named with an sympathetic adjective from Roman slang: CIOTTI! Here's the recipe!


Ingredients:

4 people

6 MATURE, SOLID, ROUND AND MEDIUM-SIZED tomatoes
120 g of provola
120 g of breadcrumbs
basil and oregano q.b.
2 clove of garlic
extra virgin olive oil q.b.
salt and pepper q.b.


Steps:

Cut the tomatoes horizontally.
Stripping, with the help of the ICE CREAM SPOON.
Mix the tomato flesh with spices, provola (finely chopped), salt and pepper.
Put everything inside the tomatoes.
Place them in a large baking pan and bake in a preheated oven (fan) at 180 ° C for about 20 min.








lunedì 28 aprile 2014

LA MOZZARELLA IN CARROZZA


Non so onestamente quale sia la provenienza esatta della mozzarella in carrozza, ma la ricetta che segue è quella che mia nonna era solita fare. E' un perfetto antipasto per chi ama i fritti e cimentarsi in ricette che non sono propriamente light ;)





Ingredienti:


4 persone


8 fette di Pan carrè classico (per altro il più economico:)
4 fette di mozzarella 
2 uova
farina q.b.
pangrattato (io non lo metto)
latte q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.
alici q.b.


Procedura:


Versare in un piatto: 2 uova sbattute, aggiungere un pò di latte ed un pizzico di sale.
Togliere il bordo del pane secondo la forma che preferite.
Mettere a riscaldare abbondante olio evo.
Premete il panino, previamente farcito con una fettina di mozzarella e 1/2 alici, e passatelo con la farina e poi nell'uovo. 
Friggete.
Servite caldo sulla carta del pane.



I honestly do not know what the exact origin of the mozzarella in a carriage is, but the following recipe is one that my grandmother used to make. It's a perfect appetizer for those who love fried foods and try out recipes that are not exactly light;)



Ingredients: 


4 people 


8 slices of classic Pan carrè (besides the cheapest :) 
4 slices of mozzarella 
2 eggs 
flour q.b. 
bread crumbs (I do not put it) 
milk q.b. 
extra virgin olive oil q.b. 
salt q.b. 
anchovies q.b. 


Steps: 


Pour into a bowl: 2 beaten eggs, add a little milk and a pinch of salt. 
Remove the edge of the bread according to the form you prefer. 
Put in plenty of warm olive oil. 
Press the sandwich, previously stuffed with a slice of mozzarella and half anchovies, and pass it with the flour and then the egg. 
Fry it.
Serve hot on brown paper.

giovedì 17 aprile 2014

TORTA DI FARINA DI MAIS E ARANCE






Oggi è stato uno di quei pomeriggi in cui mi sono dedicata completamente alla cucina visto che da molto tempo non preparavo qualcosa di diverso. Vi propongo questo dolce leggero con la farina di mais e con le ultime arance che ho trovato al supermercato. Enjoy the cake!


Ingredienti:

6 persone

150 gr. di farina di mais (FIORETTO)
50 gr. di farina bianca
4 uova
200 gr. di burro
200 gr. di zucchero
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di rum
2 arance
zucchero a velo e sale q.b.


Procedura:


Grattugiate la scorza delle arance.
Spremerle ottenendo 1 dl di succo.
Montate con lo zucchero il burro, lasciato a temperatura ambiente precedentemente.
Aggiungere i tuorli, la scorza, il succo, il rum e le farine setacciate.
Incorporate con gli albumi.
Aggiungere il lievito setacciato.

Servire con i frutti di bosco (mirtilli).
Spolverare con zucchero a velo.






Today was one of those afternoons where I spent my tie completely to the cooking given that I haven't been preparing something different sine a long time. I propose you this light dessert with corn flour and with the latest oranges I found at the supermarket. Enjoy the cake;) 


Ingredients: 

6 people 

150 g of corn flour (FIORETTO) 
50 g of white flour 
4 eggs 
200 g of butter 
200 g of sugar 
1 teaspoon of baking powder 
1 tablespoon rum 
2 oranges 
sugar and salt q.b. 


Steps: 


Grate the zest of the oranges. 
Squeeze getting 1 dl of juice. 
Mounted with sugar butter, left at room temperature previously. 
Add the egg yolks, zest, juice, rum and sifted flour. 
Stir in the egg whites. 
Add the baking powder sifted. 

Serve with berries (blueberries). 
Sprinkle with powdered sugar.

giovedì 10 aprile 2014

RISOTTO PISELLI E CERTOSA: PIU' GREEN DI COSI' NON SI PUO' ...
















La primavera, che stagione meravigliosa! A Roma, il manto stradale è coperto da petali colorati, il Ponentino ti culla e hai voglia di preparare tante ricette light. Ho comprato presso il mercato di Campo de Fiori questi piselli; era così buono il loro sapore che, aprendoli, ne ho mangiato qualcuno. Nonna Finalba, infatti, era solita dirmi "dai, mangiali ... sono buoni!".
Vi garantisco che erano sublimi anche da mangiar crudi ;)


Ingredienti:


1 kg di piselli FRESCHI
metà cipolla
olio evo e sale q.b.
350 gr. di riso
50 gr. di parmigiano Reggiano
60 gr. di certosa
1lt di brodo
qualche foglia di prezzemolo


Procedura:

Sgusciare e lavare i piselli.
Soffriggere metà cipolla tagliata finemente con 2 cucchiai di olio evo.
Cuocere metà dei piselli per 20 min, aggiungendo 2 bicchieri d'acqua e l'altra metà frullarli.
Aggiungere nella padella il riso e versare prima il brodo pian piano e poi il frullato.
Mescolare di tanto in tanto per 20 min.
Mantecare con la certosa e con il parmigiano quando il riso è caldo.
Aggiungi un pò di prezzemolo.














The spring, what wonderful season! In Rome, the road surface is covered with colorful petals, the Ponentino wind cradles you and the desire to prepare many light recipes. I bought these peas at the market in Campo de Fiori; their flavor was so good that, opening them, I ate some. My grandmother Finalba, in fact, she used to tell me " Come on, eat them ... they're good."
I guarantee you they were sublime even by eating raw ;)




Ingredients:



1 kg of FRESH peas
half onion
olive oil and salt q.b.
350 gr. rice
50 gr. Parmesan cheese Reggiano
60 gr. of certosa
1 liter of broth
some parsley


Steps:

Peel and wash the peas.
Sauté finely chopped onion halves with 2 tablespoons of extra virgin olive oil.
Cook half of the peas for 20 minutes, adding 2 cups of water and the other half of the blender.
Add the rice to the pan and pour the broth first slowly and then the smoothie.
Stir occasionally for 20 min.
Stir in the Parmesan cheese with the certosa and when the rice is hot.
Add some parsley.